Tra i consiglieri litiganti…il dipendente decide!

Ancora una volta, in quello che dovrebbe essere il luogo preposto al dialogo, alla discussione e alle decisioni volte alla salvaguardia del bene comune e alla difesa dei più deboli, abbiamo assistito all’ennesimo violento attacco alla persona del consigliere Alessandro Marulli.

Nell’ultimo Consiglio Comunale tenutosi il 28 Settembre, come sempre, in modo propositivo, il consigliere poneva in essere soluzioni per agevolare la riduzione della TARI in presenza di particolari situazioni di disagio economico e sociale, tenuto conto del corrispondente ISEE e degli esercizi commerciali che non hanno potuto svolgere attività nel periodo COVID.
La proposta venne bocciata già in commissione e, cosa più grave, il consigliere Marulli veniva più volte redarguito, in modo non consono al luogo stesso, fino ad invaderne, senza alcun rispetto, la sfera privata e personale, come si evidenzia nel video della seduta.

Quando non si hanno più argomenti, si usano le urla e le offese.

Tra un urlo e l’altro, tra un’offesa e l’altra, è emersa poi, per bocca dei rappresentanti della giunta, che non sarebbe stato possibile tener conto dell’ISEE familiare in quanto non ” rappresenta la reale situazione di chi avrebbe richiesto le riduzioni”. Quindi, secondo chi governa Marcellina, i cittadini dichiarano il falso. Questo è ciò che pensano dei marcellinesi. La conseguenza di questa politica è che le famiglie, in reale stato di indigenza, non hanno modo di usufruire di alcuna agevolazione possibile.

Dopo l’opera denigratoria fatta verso i compaesani, non contenti hanno provato a spostare le responsabilità della loro incapacità amministrativa verso il governo e verso fatti di cronaca nazionale che poco hanno a che fare con l’amministrazione dell’Ente.

Del resto lo stato di abbandono in cui versa Marcellina è sotto gli occhi di tutti e chi si volta dall’altra parte, è complice di una giunta che, messa di fronte alla realtà dei fatti, altro non sa fare se non impedire il confronto democratico.
Il consigliere Marulli ha sempre svolto il proprio ruolo con serietà, determinazione e collaborazione, non dimenticando di evidenziare le incoerenze tra ciò che la finta “giunta del cambiamento” predicava in campagna elettorale e ciò che in realtà i marcellinesi stanno vivendo: nessun rispetto per chi li ha votati e per coloro che vivono situazioni al limite della dignità.

Infine anche proposte passate con voto unanime in commissione Consiliare, sono state bocciate, con motivazioni prettamente politiche, udite udite dall’ufficio ragioneria comunale…

Quindi cari concittadini il prossimo anno non affannatevi ad eleggere nuovi rappresentanti, non serve! Attualmente la politica amministrativa di questo paese è decisa dai dipendenti comunali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.