Marcellina: le dimissioni del consigliere Balzotti

Durante la surroga dell’ex consigliere Mario Balzotti ho chiesto la lettura delle sue dimissioni. Mi è stato negato. Le pubblico in calce.

Da quanto si può leggere, si evince facilmente che ci sono da tempo, se non dall’inizio, evidenti dissapori all’interno della maggioranza dovuti a visioni diverse sull’operato della giunta Lundini, ultimamente acuite dalle dimissioni, quantomeno inaspettate, della carica di assessore alla mobilità Bassani, che tra l’altro si avvaleva della collaborazione del nuovo consigliere entrante.

Bisogna quindi, quantomeno, rilevare un evidente spostamento dell’asse politico di questa maggioranza verso sinistra.

Certo l’ex consigliere Balzotti, avendo constatato delle inadempienze rispetto a quanto promesso al proprio elettorato attraverso la linea programmatica di questa maggioranza, avrebbe dovuto, a mio parere, continuare a difenderla in seno all’istituzione.

Altra nota dolente, e forse più importante, è quella dell’incarico ricoperto dall’ex consigliere, che continuo a ribadire essere di carattere temporaneo per statuto, dato che deve essere legato ad un progetto con finalità ben precise e a termine. Parlo dell’istruzione, materia relegata da questa maggioranza ad un ruolo per così dire senza portafoglio, non degno di un assessorato, messo addirittura al di sotto dall’associazionismo e delle caratteristiche feste di piazza, sicuramente importanti anche queste, al fine di instaurare un clima gioioso e di condivisione nella nostra comunità, ma di secondaria importanza rispetto al futuro del paese che è senza ombra di dubbio in mano all’istruzione dei nostri figli e della loro sicurezza

Mi auguro che l’importanza della materia faccia rivedere al sindaco le proprie scelte e dare un incarico assessoriale, allo scopo di garantire una presenza di riferimento oltre che a reperire più fondi per la scuola. .

Detto questo auguro buon lavoro al consigliere Massimo Stazi e mi auguro che la presenza del nuovo consigliere di maggioranza sia proficuamente assidua, sia in consiglio che in commissione.

dimissioni-Balzotti

2 thoughts on “Marcellina: le dimissioni del consigliere Balzotti”

  1. un commento sulle dimissioni Balzotti. Se in un primo momento si legge che le cause possono essere legate alla mancanza di tempo (cosa abbastanza evidente osservando le assenze), in un altro paragrafo si legge chiaramente che il consigliere dimissionario non condivide più le scelte amministrative, senza specificare quali esse siano state. Non sono d’accordo con l’analisi conclusiva dell’amico Marulli, perchè di fatto il sindaco, il vice Cara e l’altro assessore Passacantilli mi sembra che rappresentino il vero zoccolo duro di un’amministrazione che di fatto non potrà mai scivolare a sinistra, anche se in linea teorica potrebbe cadere proprio per un’azione sinistra.

  2. Non si può negare comunque un leggero bilanciamento vista l’entrata di un elemento di sinistra, almeno così so io, e l’uscita di uno di destra. E’ anche vero che poi nel ruolo che conta adesso c’è un radicale abbastanza tendente a destra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.