La Mozione del M5S: ACQUA PUBBLICA CON CONTROLLO POPOLARE DELL’EROGAZIONE

Scriviamo queste righe mentre una buona parte di Marcellina ha i rubinetti a secco

Ne avevamo parlato nel nostro programma elettorale.
Marcellina è stanca di questa epidemia a bassa intensità che miete vittime quotidianamente; che trasforma l’acqua da necessità quotidiana a variabile imprevedibile.
Lo stato dell’impianto idrico del nostro paese è fortemente compromesso tanto che il disservizio non risparmia nessuno.
Se mettessimo insieme le “storie” dei disagi che i cittadini di Marcellina sono costretti ad affrontare per l’assenza d’acqua, le scopriremmo tutte simili e piene d’impotenza.
Il Gestore Acea non rispetta il contratto.
Impone un rapporto individuale con l’utente suggerendo come unica strada percorribile numeri verdi con attese umilianti ed ineducate.
Con lo scopo di frammentare la protesta.
La Carta dei servizi che dovrebbe regolare il contratto e darci qualche diritto parla di:

Uguaglianza di trattamento
Efficacia ed efficienza
Continuità del servizio
Cortesia.
non è mai stata presa in considerazione dall’ Acea Ato 2.
Abbiamo valutato che nell’attesa di una miracolistica programmazione di “interventi strutturali”, da sempre promessa negli ultimi dodici anni dal Gestore ai Sindaci di turno, fosse indispensabile rompere col passato.
Perché tutti questi anni sono stati pieni di disagi e chiacchiere ed é ora di dire basta.
Vogliamo che l’Acea per qualsiasi interruzione del flusso idrico, individuale o collettiva, si trovi come controparte non il singolo cittadino da maltrattare, ma il Comune.
Vogliamo una struttura che riceva le segnalazioni, le verifichi e si attivi con il Gestore per esigere un immediato intervento.
Basta numeri verdi che tali sono per la rabbia ,l’impotenza e la frustrazione che provocano.
Il Comune sia garante del rispetto della Carta dei Servizi.
Della velocità dell’intervento di ripristino del flusso idrico.
Della gestione delle autobotti d’emergenza.
Della documentazione di ogni singola riparazione.
Quali che siano le prossime interruzioni, l’Acea dovrà trovarsi di fronte non il singolo impotente cittadino ma l’intera comunità di Marcellina, rappresentata dalla sua Amministrazione.

mozione-acea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *