Approvata la mozione sull’Accessibilità Universale presentata dal M5S

Mozione approvata con voto quasi unanime durante il consiglio comunale del 22 aprile, non senza qualche sterile polemica dal sapore propagandistico. Un fondamentale passo in avanti verso un paese più civile, in aderenza a quanto prescritto dalle norme di riferimento.

Un solo consigliere (e assessore) a votare contro, il consigliere Passacantilli.

La cosa più curiosa è sicuramente la motivazione con la quale il consigliere ha voluto giustificare il suo voto contrario.

Una accusa al consigliere proponente di “gettare il sasso e ritirare la mano” proponendo questa mozione.

Incomprensibile!

La Mozione scritta in italiano, invece, comprensibile ad un bambino, viene definita dallo stesso vuota di contenuti. Eppure per sua stessa ammissione tramite l’attuazione della stessa andrebbe ad essere favorita una categoria troppe volte messa ai margini proprio per questi atteggiamenti sopra le righe dettati dell’ignoranza amministrativa e dalla mancanza di applicazione delle norme. L’attuazione delle stesse porterebbe non solo benefici per i diversamente abili e un arricchimento culturale ma probabilmente la possibilità di richiedere fondi per adempiere a ciò che la Comunità Europea giustamente ci chiede.

La condizione di disabilità viene ricondotta all’esistenza di barriere di varia natura che possono essere di ostacolo a quanti, portatori di minorazioni fisiche, mentali o sensoriali a lungo termine, hanno il diritto di partecipare in modo pieno ed effettivo alla società senza alcuna discriminazione

La Costituzione demanda al legislatore il compito di rimuovere tutti gli ostacoli di ordine economico e sociale che possono ostacolare l’attuarsi in concreto del principio di eguaglianza. Sulla base di questa specifica previsione costituzionale si inquadra tutta la legislazione ordinaria in tema di disabilità, ivi compreso l’aspetto della mobilità, ed il correlato obbligo per la Pubblica Amministrazione di eliminare le barriere architettoniche.

L’accusa del consigliere Passacantilli è quella che il consigliere Marulli non abbia mai fatto nulla per questo paese stando in seno all’amministrazione. Anche questa affermazione è evidentemente dettata da una notevole ignoranza istituzionale dato che dovrebbe essere noto a tutti (per di più a chi fa danno al suo interno da decenni) il ruolo dell’opposizione che siede sui banchi della minoranza e che per definizione non approva la linea politica della maggioranza (altrimenti sederebbe sulle loro stesse poltrone). Per questo motivo non ha alcun potere decisionale ma può solo proporre , tramite il diritto d’iniziativa, le mozioni come quella oggetto di questo articolo. Ovviamente l’attuazione delle stesse non potrà mai essere in mano alla minoranza. Quindi è incomprensibile ciò che viene dichiarato se non per un fine prettamente propagandistico da campagna elettorale rivolgendosi ad una parte di cittadini che ignorano i ruoli all’interno dell’amministrazione.

Forse si sono anche dimenticati degli interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico – DM del 23 febbraio 2021, euro 2.500.000,00: “La determinazione definitiva dell’importo assegnato è subordinata all’esito della verifica dell’approvazione del piano urbanistico attuativo (PUA) e del piano di eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA) entro il 31 dicembre 2020. In caso di verifica negativa, il contributo determinato ai sensi del comma 1 è conseguentemente ridotto del cinque per cento.”. Probabilmente perderemo anche questo contributo a causa della mancanza proprio del PEBA. Questo è il livello di competenza amministrativo.

A conferma, poi, del “potere” della minoranza è la completa mancanza di rispetto istituzionale da parte del Sindaco che IGNORA completamente il lavoro della Commissione Consiliare Permanente portando al voto in consiglio comunale i regolamenti senza le modifiche concordate in seno ad essa.

Infine, riusciremo a concludere la consiliatura con almeno 30 interrogazioni e interpellanze senza alcuna risposta. Alla faccia della democrazia che il Sindaco di Marcellina spiattella durante le belle cerimonie, in onore di chi si è sacrificato per il rispetto di quei diritti che la stessa garantisce ad ogni cittadino italiano.

Art.-24-del-regolamento-per-il-funzionamento-del-Consiglio-Comunale-Mozione-sullaccessibilita-universale-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.