Adeguamento del regolamento edilizio comunale in materia di ricarica dei veicoli elettrici negli edifici, l’interrogazione del M5S

L’Agenzia Europea per l’Ambiente (AEA) nel suo ultimo Rapporto sul meccanismo di relazioni sui trasporti e sull’ambiente (TERM) è giunta alla conclusione che le auto elettriche sono chiaramente preferibili alle auto a benzina o diesel per quanto riguarda gli effetti negativi sui cambiamenti climatici e la qualità dell’aria. La scienza ha quindi espresso una posizione che sembra fugare i dubbi espressi dall’opinione pubblica circa i benefici ambientali delle auto elettriche. Persino con il mix energetico attualmente in uso in Europa, che include ancora una notevole quantità di energia elettrica prodotta dal carbone, esistono evidenti vantaggi nella mobilità elettrica, destinati ad aumentare con la progressiva implementazione in europa delle energie rinnovabili.

Come testimoniato anche dal rapporto “Le città elettriche”, primo dossier sulle mobilità a emissioni zero in Italia, realizzato da Legambiente in collaborazione con MotusE (associazione per la mobilità elettrica), uno dei fattori che sta rallentando la diffusione dei veicoli elettrici, soprattutto nel nostro Paese, è la insufficiente diffusione dei punti di ricarica nelle nostre città.

Il decreto legislativo n. 48 del 2020 ha stabilito che entro il 9 dicembre 2020 tutti i Comuni italiani dovranno modificare i propri regolamenti edilizi, prevedendo che i titoli edilizi per costruire o ristrutturare siano rilasciati solo a chi prevede negli edifici in via di realizzazione o ristrutturazione un quantitativo minimo di punti di ricarica e una dotazione di condotti per cavi elettrici che consentano, anche successivamente, di installare punti di ricarica per veicoli elettrici a servizio di garage e posti auto.

A tal proposito il portavoce in Consiglio Comunale del M5S Alessandro Marulli chiede al Sindaco e all’Assessore competente se abbiano predisposto o stiano predisponendo uno schema di deliberazione di modifica del regolamento edilizio comunale per il suo adeguamento al decreto legislativo n. 48/2020 in materia di ricarica dei veicoli elettrici negli edifici, da presentare al Consiglio comunale in tempo utile per la sua definitiva approvazione entro il termine legislativamente previsto del 9 dicembre 2020.

Interrogazione-Adeguamento-del-regolamento-edilizio-comunale-al-decreto-legislativo-n.-48-2020-in-materia-di-ricarica-dei-veicoli-elettrici-negli-edifici-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.